Giornata mondiale contro la violenza sulle donne 25/11/2019
Il 25 novembre di ogni anno a partire dal 1960, anno macchiato dall’uccisione delle tre sorelle Mirabal, si è deciso di istituzionalizzare la “Giornata contro la violenza sulle donne”.

La violenza contro le donne è una delle gravi piaghe della nostra società, in quanto sempre più donne, ogni anno sono vittime innocenti di uomini violenti che compiono azioni efferate. La donna, essere che dona la vita, madre della nostra società diventa oggetto di violenza in tutte le sue forme. Le donne, sono costrette ad aver paura di indossare alcuni abiti, addirittura sono limitate nella loro libertà di esprimersi, perché una gonna troppo corta diventa un movente e una giustifica di un atto ignobile, perché la nostra cultura, intrisa di maschilismo bigotto è ponta ad attaccarle per evitare di incolpare l’uomo che l’aggredisce. Il tempo che viviamo è scandito dalla paura di ogni donna di essere aggredita, per la sola colpa di tutti coloro che non hanno rispetto per l’essere che ci ha generato.

Noi alunni del Medi, consapevoli di questi incresciosi atti, ripudiamo a voce alta questi atteggiamenti che non ci appartengono ed insieme alla collaborazione di alcuni Professori e del D.S. abbiamo deciso di organizzare la giornata per sensibilizzare tutti noi, per arrivare al cuore degli alunni.

I rappresentanti d’istituto in carica si sono recati nelle classi per leggere la poesia che una docente dell'Istituto ha scritto in onore della donna ed hanno distribuito a tutti una coccarda rossa simbolo in ricordo di tutte le donne vittime di violenza.

Noi ragazzi ci siamo, noi lottiamo, da utopisti quali siamo crediamo nell’iperuranio Platonico, che se davvero esistesse, la donna reincarnerebbe la perfezione.

NO ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE: REGALIAMO SORRISI, NON MACCHIE SUI VESTITI