Le scelte Educative

Le scelte educative effettuate dall’Istituto vogliono essere coerenti con le molteplici proposte formative al fine di progettare nella prospettiva della FORMAZIONE INTEGRALE DELLA PERSONALITÀ, considerata sia nella dimensione cognitiva che in  quella  affettiva e sociale nel rispetto dell’identità personale culturale del singolo.
L’Istituto ritiene opportuno indicare le linee generali delle proprie finalità educative e formative, partendo da alcune considerazioni:

  1. è necessario ridefinire continuamente i valori centrali della proposta formativa che la scuola offre agli studenti, dato il continuo, profondo mutamento dell’assetto sociale ;

  2. è altrettanto importante calare questa proposta nella realtà specifica in cui la scuola si trova ad operare, nel nostro caso un territorio lento nello sviluppo e molto  incerto nel riorganizzare un proprio modello culturale complessivo.

Partendo da queste considerazioni, l’Istituto intende operare secondo le seguenti linee portanti del lavoro educativo .

Scelte di fondo

1) rendere più efficace l’azione di orientamento e riorientamento nel raccordo con la scuola media (MEDI@ORIENTA-continuità) e, anche in relazione alla nuova normativa sull’obbligo scolastico, nel passaggio biennio-triennio, nonché potenziare l’Orientamento in uscita


2) favorire il raccordo con la formazione successiva al liceo nelle sue diverse articolazioni (Università, formazione tecnica superiore, formazione professionalizzante) mediante:

  1. un’azione di orientamento degli studenti, che tenga conto anche delle caratteristiche delle diverse facoltà , delle regole di accesso, dell’andamento degli esiti e degli sbocchi professionali

  2. il collegamento con l’Università sia per la definizione di idonei e coerenti percorsi didattici fra scuola superiore e Università sia per una adeguata formazione dei docenti  (P.r.O.F.)

  3. la rielaborazione e l’adeguamento in tale ottica dei curricula del liceo, (attraverso una progressiva riorganizzazione modulare)

  4. inserire la formazione  specifica in una formazione più ampia che consenta la valorizzazione delle capacità, il riequilibrio delle situazioni carenti, una reale capacità di orientamento

3) promuovere l’inserimento dei giovani nel contesto europeo attraverso:

  1. un netto potenziamento della effettiva conoscenza ed uso di una o più lingue comunitarie, anche attraverso corsi di lingue extracurriculari
     
  2. la conoscenza delle istituzioni europee sia politiche sia economiche

  3. l’avvio di esperienze di stages e scambi culturali con i Paesi europei

  4. assicurare a tutti gli studenti la piena conoscenza e padronanza delle tecnologie informatico/multimediali/telematiche e delle loro potenzialità, condizione ormai indispensabile sia per l’acquisizione di strumenti culturali adeguati sia per l’inserimento nel mondo professionale avanzato.

  5. mirare alla formazione globale dei cittadini consapevoli, in un sistema di valori fondato sulla libertà e sul pluralismo, ed individuare percorsi concreti di questa formazione. Tali percorsi dovranno fornire da un lato strumenti di conoscenza approfondita della realtà, attraverso esperienze dirette o indirette; dall’altro proporre modelli di convivenza che escludano le semplificazioni rozze ed acritiche e comportino invece la riflessione critica di ciascuno