Norme contrattuali

1. Durante l’orario di servizio,comprese le ore a disposizione, fatto salvo quanto previsto dal contratto integrativo di istituto, tutti i docenti sono tenuti a rimanere in istituto, rendendosi reperibili per eventuali necessità didattiche.

2. Ogni Docente, con orario inferiore alle 18 ore settimanali, è tenuto al completamento dell’orario di cattedra; pertanto, ai fini di detto completamento, deve rispettare le ore a disposizione per supplenze saltuarie, garantendo, in dette ore, la sua presenza in Istituto. Eventuali richieste di scambi di ore tra Docenti della stessa classe devono essere sempre autorizzate dal Dirigente Scolastico.

Alle Assemblee di classe e di Istituto, oltre al Dirigente o ad un suo delegato, possono assistere gli insegnanti che lo desiderano ( D.P.R. n° 146 del 31/05/1974 art. 43 ).

Durante le assemblee di classe i professori tenuti a svolgere lezione, sono delegati ad assistere ai lavori. Possono restare nelle vicinanze della classe con dovere d' intervento nel caso di violazione del regolamento o in caso di constatata impossibilità di ordinato svolgimento; in ogni caso non possono lasciare l’istituto se non preventivamente autorizzati dalla Presidenza

In caso di assenze o congedi, fatto salvo quanto previsto nel contratto integrativo di istituto, l'insegnante deve attenersi a quanto stabilito nel contratto collettivo di lavoro: art. 9 " L'assenza per malattia , salva l'ipotesi di comprovato impedimento , deve essere comunicata all'istituto  "... tempestivamente e comunque non oltre l'inizio dell'orario di lavoro del giorno in cui essa si verifica ( non oltre le ore (8,10), anche nel caso di eventuale prosecuzione di tale assenza";

“Il dipendente, salvo comprovato impedimento, è tenuto a recapitare o spedire per mezzo raccomandata con avviso di ricevimento il certificato medico di giustificazione dell'assenza con indicazione della sola prognosi entro i cinque giorni successivi all'inizio della malattia o alla eventuale prosecuzione della stessa . Qualora tale termine scada in giorno festivo esso è prorogato al primo giorno lavorativo successivo ";

"L'istituzione scolastica o l'amministrazione di appartenenza può disporre il controllo della malattia ai sensi delle vigenti disposizioni di legge …” (fatto salvo quanto disposto nel contratto integrativo di istituto)

Per quanto riguarda i permessi brevi fatto salva la normativa vigente e quanto previsto dal contratto integrativo di istituto, l'insegnante non può richiederli quando sia stata già disposta la supplenza.

Eventuali variazioni di indirizzo devono essere comunicate immediatamente e per iscritto alla scuola

Tutto il personale è tenuto a visionare quotidianamente le comunicazioni della Dirigenza riportate sul libro delle circolari

Gli insegnanti sono obbligati a partecipare agli incontri scuola-famiglia programmati dal Collegio dei Docenti, e a garantire la presenza a scuola per 1 ora  ricevimento mensile per l’informazione alle famiglie, così come approvato dal CdeiD.

I docenti sono tenuti a partecipare alle riunioni degli OO.CC (Cdei D, C di C) come programmato dal CdeiD.

La mancata partecipazione agli organi collegiali deve essere, giustificata